News Eventi

YogAyur Special Class: Iyengar Oriented L’intelligenza del Corpo
16/12/2018 - Yoga
Data evento: 16/12/2018

L’Intelligenza del Corpo 
PRIMO INCONTRO DOMENICA 16 DICEMBRE ORE 17:00-19:00 
PRESSO YOGAYUR MONTI - Via Cavour 89 (Metro Cavour e Termini)

“Permetti alla tua intelligenza di penetrare uniformemente attraverso tutto il corpo
fino alle sue estremità, come i raggi del sole.”

L’intelligenza non risiede solo nel nostro cervello ma in ogni parte del nostro corpo.
E’ importante svegliare l’intelligenza nel corpo, poiché solo un corpo intelligente sarà anche forte, allineato, sano.

Durante i tre incontri , lavoreremo con il corpo e attraverso l’esecuzione degli Asana andremo a ricercare e donare libertà al nostro corpo, poiché “se non vi è libertà nel corpo quella della mente può essere solo un miraggio”. E’ consigliata la partecipazione a tutti e tre gli incontri poiché saranno dal primo all’ultimo propedeutici per lo sviluppo del lavoro.

GLI INCONTRI SARANNO TENUTI DA MICHELLE MACRÌ INSEGNANTE YOGAYUR

COSTI: (necessaria tessera associativa light € 5,00)
1 incontro € 25,00
2 incontri € 45,00
3 incontri € 60,00

PER PRENOTARSI DOPO ESSERSI REGISTRATI e SOTTOSCRITTO TESSERA ANNUALE


— UTTHITA STHITI — 
DOMENICA 16 DICEMBRE ORE 17:00-19:00 
PRESSO YOGAYUR MONTI - Via Cavour 89 (Metro Cavour e Termini)
Nel corso del primo incontro lavoreremo sulle posizioni in piedi: 
Partiremo dai piedi, dalla terra, poiché nonostante trascorriamo in piedi la maggior parte della nostra giornata, non prestiamo alcuna attenzione a farlo in modo corretto.

Questi asana, portano la nostra attenzione sul modo di stare in piedi e correggono la postura.

Inizieremo con le posizioni di base, impareremo a distribuire il peso mettendo le braccia e le gambe in modi diversi senza disturbare il corpo nella posizione.

Impareremo a distribuire il peso sui nostri piedi e a sentire la pesantezza del corpo e della gravità, perché solo se abbiamo delle radici ben salde, fortemente attaccate alla terra, così come gli alberi, il nostro tronco, la colonna, potrà estendersi, allungarsi con leggerezza verso l’alto e il nostro torace espandersi lateralmente come dei rami .

Con la pratica delle posizione in piedi, impareremo ad essere più consapevoli anche della parte posteriore del nostro corpo, a svegliarla ed allungarla.

Tutti noi siamo sempre protesi in avanti, la nostra intera vita si svolge nella parte anteriore del corpo, innanzitutto perché tutti i nostri sensi si trovano davanti e questo ci porta a dimenticare che esiste un dietro, che inevitabilmente resta più corto e che prima o poi inizia a farsi sentire, quasi “mendicando” la sua presenza , con i famosi “dolori”, tra i più comuni quelli alla schiena e alla zona cervicale.

Imparare a praticare con consapevolezza le Posizioni in Piedi, ci aiuta a svegliare il nostro intero corpo, a renderlo forte, vigoroso a scaldarlo.

Tutte le azioni per una corretta esecuzione degli Asana, sono racchiuse nelle posizioni in piedi per questo è molto importante praticarle.

Avere consapevolezza delle azioni e movimenti durante la nostra pratica in piedi, ci aiuta a camminare correttamente a stare in piedi in modo corretto e ad andare a correggere quei disallineamenti dovuti ad una scorretta postura o atteggiamento mentale che con il passare del tempo si trasformano in malesseri fisici.

Insegniamo al nostro corpo ad essere intelligente e consapevole, così che possa difendersi dalle sue stesse chiusure e tensioni, “Il corpo deve essere il servitore non il padrone”. (B.K.S. Iyengar)


MICHELLE MACRI — IYENGAR ORIENTED
"Lo yoga è come una scintilla, una volta accesa, la sua fiamma arderà per sempre”

Della prima lezione di yoga alla quale partecipai mi ricordo una sola cosa: il mio sorriso. Quando uscii dalla scuola ero felice. È iniziata così la mia esperienza con questa disciplina, per caso, assolutamente inconsapevole di come potesse svolgersi una lezione di yoga e con un sorriso che ancora oggi ricordo.

Cominciai quindi a seguire le classi del mio insegnante e attraverso la pratica della Asana e del Pranayama ho iniziato ad avvertire sin dalle prime lezioni dei benefici, semplici e tangibili, dal dormire meglio al mangiare in modo più equilibrato, cose da tutti i giorni, ma fondamentali per vivere bene.

Così con il passare degli anni decisi di intraprendere un corso di formazione per diventare insegnante e fare dello yoga uno stile di vita e attraverso l’insegnamento di questa disciplina, trasmettere e condividere con gli altri questo stato di benessere che inizia dalla pelle, dalla superficie e continua il suo cammino scavando sempre di più all’interno, fino ad arrivare al centro nel profondo del nostro essere.

Lo stile di yoga praticato durante le mie lezioni, riguarda la tradizione classica, mette enfasi sull’ allineamento del corpo e il rilassamento della mente. Saranno praticate le Asana (posizioni fisiche ), con l’utilizzo di alcuni supporti come: coperte, mattoni, cinte - per permettere a chiunque di praticare le posizioni indipendentemente dal livello e dalle prestazioni fisiche - e il Pranayama (tecniche di controllo del respiro)
​​

— PASHIMA PRATANA STHITI —
SABATO 26 GENNAIO ORE 15:00-17:00 
PRESSO YOGAYUR GAZOMETRO - Via G. Acerbi 38 (Metro Piramide)

Durante il secondo incontro, lavoreremo sugli allungamenti in avanti:

Essenzialmente, gli allungamenti in avanti portano il cuore e il cervello ad uno stato di quiete.

Arrestano l’agitazione interiore rilassando i nervi e calmando la mente.

Questi Asana rilassano il cervello donando una sensazione di freschezza e allo stesso tempo stimolano l’apparato digerente , tonificando gli organi addominali.

Per tutti coloro che soffrono di problemi legati al sistema nervoso o digestivo, per chi soffre di pressione alta, ansia, insonnia e debolezza è importante la pratica regolare di questi Asana.

Impareremo e porteremo attenzione alle varie fasi di esecuzione degli allungamenti in avanti:
Utthita, Urdhva Hasta e Urdhva Mukha.

Queste fasi, aiutano il praticante a sentire entrambi i lati del corpo e gli consentono di comprendere quale parte è più attiva quale più pigra, quale è la parte più rigida e quale parte è più flessibile, su quale parte i muscoli sono più corti e su quale più allungati ed estesi.

Facendo questi confronti e diventandone consapevoli, si sviluppano sensibilità ed intelligenza.



— PURVA PRATANA STHITI —
DOMENICA 24 FEBBRAIO ORE 17:00-19:00 
PRESSO YOGAYUR MONTI - Via Cavour 89 (Metro Cavour e Termini)
Nel terzo incontro ci occuperemo degli allungamenti indietro:

Inizieremo lo studio e la pratica degli allungamenti indietro con delle posizioni che hanno lo scopo di preparare la colonna a tali allungamenti, oltre ad una certa flessibilità della colonna, per la pratica degli archi è necessaria anche la solidità dei muscoli che la ricoprono, poiché a lungo andare la sola flessibilità senza la solidità, indebolisce e causa dolore.

Inizieremo gli allungamenti indietro, da sdraiati sul pavimento a faccia in giù, poiché questo stadio è più riposante ed evita al principiante tutte le iniziali sensazioni sgradevoli che questi Asana potrebbero portare, tra i più comuni: mal di schiena, senso di nausea e vertigine, fiato corto e anche perché partendo da proni ad inarcare la schiena in dietro si usano i muscoli più esterni della colonna che aiutano a rinforzarla.

Passeremo ad una seconda fase in cui entreremo nel vivo dell’esecuzione degli archi , più precisamente Urdhva Danurasana , attraverso l’utilizzo di alcuni supporti come corde, sedie e mattoni, che ci aiuteranno a controllare le varie azioni e movimenti durante l’esecuzione, permettendo al corpo di lavorare correttamente.